l’impresa italiana che si avvale della prestazione di lavoratori stranieri

Il distacco di lavoratori stranieri in Italia (quali oneri per l’impresa italiana?)

Il distacco di lavoratori è una modalità di esplicazione del rapporto di lavoro che deriva dalla temporanea messa a disposizione da parte di un datore di lavoro “distaccante”, di uno o più suoi dipendenti a favore di un altro imprenditore (persona fisica o giuridica), detto “distaccatario”, per l’esecuzione di una determinata attività.

Nel caso in cui l’impresa italiana (o straniera che svolge una prestazione in Italia) si avvalga, nello svolgimento di un’opera o di un servizio, di lavoratori già alla dipendenze di altre imprese estere (anche agenzie di somministrazione) “distaccanti”, occorre che la “distaccataria”, la quale riceve materialmente la prestazione lavorativa o concede in appalto ad un soggetto UE la realizzazione di un’opera sul territorio italiano, verifichi  preventivamente il rispetto degli adempimenti a carico del distaccante. Il D.Lgs n. 136/2016 prevede pesanti sanzioni, in caso di controlli da parte dei soggetti preposti, in ipotesi di distacco non autentico. “Non autentico” è il distacco caratterizzato da situazioni di irregolarità che possono riguardare sia l’impresa estera (es. costituzione fittizia) che lo stesso lavoratore distaccato. In tal caso il lavoratore straniero verrà considerato alle dipendenze del soggetto italiano che ne ha utilizzato la prestazione, salve le ulteriori sanzioni alle quali sarà soggetto in solido con l’impresa distaccante (alle dipendenze del quale sono i lavoratori o, comunque, dovrebbero essere).

L’azienda italiana può quindi essere chiamata a corrispondere ai lavoratori distaccati le differenze per i trattamenti retributivi e/o contributivi loro spettanti in funzione della prestazione svolta in Italia.

Occorre dunque che l’impresa italiana chieda alla società distaccante di produrre la relativa documentazione (ad esempio modello portatile A1 per ciascun lavoratore inviato in Italia; comunicazioni di assunzione nello Stato di provenienza e relativi contratti di lavoro; bonifici relativi alle retribuzioni periodicamente erogate ai lavoratori da parte del datore di lavoro estero, nomina del referente).

 

 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.