Fast-Track Visa

Normally, non-EU citizens who intend to stay in Italy for more than three months must apply for a visa. Italian immigration law offers several visa options including the elective residency visa, family reunification visa, self-employment work permit visa, and employee work permit visa.

Those who want to move to Italy without working in Italy generally apply for an elective residency visa. These visas are not subject to any annual cap on availability. Applicants may obtain the elective residency visa by submitting a special request including evidence of:

  • sufficient income to reside in Italy without working; and
  • a dwelling available in Italy.The elective residency visa has a maximum duration of 12 months and must be renewed through a special submission 30 days prior to the expiration date. After five years, if specified requirements are met, the individual may also apply for a European residency visa that does not expire and allows the holder to move freely within the EU.

    For those who plan to work in Italy, obtaining a visa may be more complicated since the Italian governement sets a maximum number of visas that may be granted each year.

    The 2017 finance bill provides two measures that facilitate entry into Italy for eligible individuals:

    • a new, simplified visa procedure for those individuals who move their residence to Italy and decide to opt for the €100,000 substitute tax regime (“res non dom”);

    • a special investor visa for individuals who make:

    • an investment in Italian public bonds of at least €2 million, to be held for at least two years;
    • an investment of at least €1 million in the equity of companies established and operating in Italy, to be held for at least two years; or
    • a contribution of at least €1 million to a charity engaged in specified public interest projects. The new investor visa is not subject to any immigration quota restrictions, is granted for a two-year period, and can be renewed for three years. Family members can join the holder of the investor visa using the rules applicable to holders of ordinary visas.
Please follow and like us:
error

TAX INCENTIVES FOR ATTRACTING HUMAN CAPITAL IN ITALY and “Res Non-Dom” Regime

A very attractive option for any person who wishes to establish residence in a favorable tax jurisdiction.

The tax incentive for new residents is intended for individuals who move their residence for tax purposes to Italy and consists in the possibility of paying a substitute tax on income generated abroad.

It is possible to opt for this benefit, which has a maximum duration of 15 years, regardless of nationality.

In fact, access is allowed both to foreign citizens and to Italians, provided they have been fiscally resident abroad for at least 9 of the 10 tax periods preceding the one in which the choice becomes effective.

Qualifying persons:

This tax regime is available for “newly resident” individuals in Italy, who (regardless of their nationality or domicile) have been non-tax resident in Italy for at least 9 years out of the 10 years preceding their transfer to Italy.

  • Individuals already resident in Italy can also benefit from it. In this case, also the tax period in which the residence for tax purposes in Italy has been obtained must be considered in the assessment of the time requirement.
  • The incentive regime may be also extended to the family members of these individuals.

Benefits:

High-net-worth individuals transferring their tax residence to Italy are enabled to apply a substitute tax to their foreign income, amounting to €100,000 for each fiscal year, in lieu of the Italian Income Tax (As a rule, Italian tax residents are subject to income tax on their worldwide income, to a 0.2% tax on the value of certain financial assets wherever located and to a 0.76% tax on the value of real properties situated in Italy and abroad). Therefore, this taxation represents an alternative to the application of the ordinary taxation and the option is valid for a period of 15 years. The election for the regime may be extended to family members through the payment on their foreign income of a substitute tax amounting to €25,000 per member. Taxpayers may access to the regime submitting an advance tax ruling to the Italian Revenue Agency or exercising the option for substitute taxation in their tax return.

By joining the res non dom regime, taxpayers and their family members enjoy the following advantages:

– exemption from the obligation to complete the RW framework relating to fiscal monitoring, on foreign assets and investments;

Qualified holdings that can generate capital gains taxable on an ordinary basis, if realized in the first 5 tax periods of validity of the option, do not exempt the new resident from the obligation to indicate in the RW framework the value of the foreign participation.

– exemption from payment of the tax on the value of properties held abroad and the payment of value tax on financial products, current accounts and savings books;

– inheritance (tax on successions) and gift tax limited to the assets and rights existing in the Italian State at the time of succession or donation, for open succession and donations made in the tax periods of validity of the option.

TAX INCENTIVES FOR ATTRACTING HUMAN CAPITAL IN ITALY

The tax package is integrated by a fast-track visa procedure for investors and their relatives.

According to the Res Non-Dom Regime, eligible taxpayers can choose which country or countries income to tax with the substitutive flat tax (the so-called “cherry picking” principle). Any income sourced in the “non-chosen countries” (if any) is excluded from the Res Non-Dom Regime (as well as the Italian sourced income) and, therefore, is subject to ordinary Italian taxation and will benefit from tax credit on taxes paid abroad (under ordinary limitations) and from relevant tax treaty protection (if any).

A € 100,000 substitutive tax corresponds to the ordinary taxation on approximately € 385,000 of financial income (without considering that the tax is also substitutive of wealth taxes on foreign financial and real estate assets). Assuming a return on investments of 2%, the burden of the yearly € 100,000 substitutive tax is equivalent to that associated to the ordinary taxation for an amount of foreign financial assets of approximately 13.9 €/mio (13,889,000 x 2% x 26% + 13,889,000 x 0,2% = 100,000).

Income from foreign sources can be remitted into Italy without any additional taxation.

Impatriate workers

Article 16 of Legislative Decree no. 147/2015, which allowed to tax 50% of the income produced in Italy for a period of 5 years for all workers who transferred their tax residence in the territory of the State. The favorable regime was applicable to two different categories of taxpayers; in particular workers who met the following conditions were entitled to the benefit:

(a) those who have not have been resident in Italy during the five tax periods preceding the transfer and undertake to remain in Italy for at least two years;

(b) those who carry out their activity mainly in Italy with a company resident in the territory of the State on the basis of an employment relationship established with that undertaking or with companies in the group;

c) those who hold managerial positions or possess the requisites of high qualification or specialisation.

Subsequent paragraph 2 of art. 16, then, extended the same tax benefits to the persons referred to in art. 2, paragraph 1, of Law no. 238/2010, or to citizens of the European Union, who had resided continuously for at least 24 months in Italy and who, although residing in their country of origin:

– were in possession of a university degree, had continuously carried out a work activity, whether employed or self-employed, or a business activity outside their country of origin and Italy in the last 24 months or more;

– have continuously carried out a study activity outside their country of origin and Italy in the last 24 months or more, obtaining a degree or post-graduate specialization.

Article 5 of Law Decree 30 aprile 2019, n. 34 has intervened on the percentage of exemption for income produced in Italy (previously set at 50%) which is raised to 70% with an undoubted advantage for taxpayers who can join the favorable regime. In addition, this percentage is raised to 90% for those who move their residence in the regions of Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardinia and Sicily.

With respect to the duration of the benefit (fixed at 5 years), some assumptions exist in relation to the extension of the same.

This refers in particular to the possibility of applying the facility for a further 5 years:

– if the worker has a minor or dependent child, also in pre-adoptive foster care;

– if the worker buys a residential property in Italy after the transfer to Italy or in the 12 months preceding the same (the home can be purchased directly by the worker or by the spouse or children or by the cohabiting partner also in co-ownership).

In these cases, for the remaining 5 years, 50% of the income is taxable. If the worker has at least three children in the above conditions, the tax rate is set at 10%.

Finally, the new regime is applicable to persons who transfer their residence to Italy from 1 January 2020.

The decree now in force considerably simplifies the subjective scope of application which, as is well known, had generated considerable problems of interpretation (think, for example, of the case of the worker who returned to Italy after a posting abroad, a case which has been the subject of various interventions by the administrative practice).

In this regard, the benefit is applicable to taxpayers who transfer their residence to Italy pursuant to Article 2 of the TUIR and who:

– have not been resident in Italy in the two tax periods preceding the transfer and which undertake to reside in Italy for at least two years, and;

– work mainly in Italy.

It is specified that employees, self-employed persons and holders of incomes similar to salaried work (a category already previously included in administrative practice) may benefit and the new wording of paragraph 1- bis of Article 16 extends the scheme referred to in paragraph 1 and paragraph 2 of Article 16 to the persons who start a business in Italy, as from 1 January 2020.

Please follow and like us:
error

INCENTIVI PER LA VALORIZZAZIONE EDILIZIA

L’atto di compravendita di un bene immobile effettuato nell’esercizio di impresa, al fine di rivendita anche in via frazionata, previa demolizione e ricostruzione o ristrutturazione “maggiore”,  sconta le imposte di registro, ipotecaria e catastale in misura fissa.
La Legge 28 giugno 2019 n. 58, al fine di favorire la rigenerazione del patrimonio edilizio con la sostituzione degli edifici esistenti con altri di nuova costruzione, che siano conformi alla normativa antisismica e più efficienti sotto l’aspetto energetico, introduce rilevanti agevolazioni fiscali per l’acquisto da parte di imprese di costruzione o di ristrutturazione immobiliare, di immobili da demolire, ricostruire e rivendere.
 
La norma stabilisce che ai trasferimenti di interi fabbricati, indipendentemente dalla loro destinazione, a favore di imprese costruttrici o di ristrutturazione che entro i successivi 10 anni provvedano alla demolizione, successiva ricostruzione degli stessi, anche con variazione volumetrica rispetto al fabbricato precedente, o alla ristrutturazione c.d. maggiore, e alla successiva alienazione (anche in via frazionata qualora l’alienazione riguardi almeno il 75% del volume del nuovo fabbricato), si applicano le imposte di registro, ipotecaria e catastale in misura fissa, di euro 200 ciascuna.
 
L’atto di acquisto dell’immobile deve avvenire entro il 31 dicembre 2021.
Qualora l’intera operazione non sia conclusa alle condizioni sopra indicate è prevista la decadenza dall’agevolazione e il conseguente pagamento delle imposte nella misura ordinaria, oltre una sanzione del 30% delle stesse imposte.

Questo il contributo del Notaio Busani sull’agevolazione in commento.

Please follow and like us:
error

Le masse plurime

MASSE PLURIME

Quando ai medesimi comproprietari pervengono ulteriori diritti per un successivo titolo (donazione, compravendita, successione..), si discute se si verifichi un accrescimento dell’originaria comunione (come succede nella comunione legale dei beni, la quale, però, è appunto un regime e non una situazione statica di godimento) o, piuttosto, una distinta e nuova comunione, le cui vicende sono del tutto distinte dalla precedente.

Le masse plurime sono, appunto, le comunioni di diritti originate da titoli diversi e saranno tante quanto sono i titoli di acquisto.

Il fenomeno assume particolare rilevanza nel momento in cui i comproprietari intendano sciogliere la comunione (o, rectius, le comunioni) fra gli stessi correnti: riconoscendo un grado di autonomia a ciascuna massa, infatti, non potranno ricorrere ad un’unica divisione ma a tante corrispettive divisioni quanti sono i titoli di acquisto, procedendo, poi, a seconda dei beni che vogliono attribuirsi in proprietà esclusiva, ad atti di permuta (con le conseguenze impositive e documentali degli atti traslativi a titolo oneroso).

A prescindere dall’inquadramento civilistico, una norma di carattere tributario consente di ottenere il vantaggio ai fini impositivi riconosciuto alla divisione se l’ultimo titolo di acquisto non è volontario ma è successorio: in tale ipotesi l’atto sarà tassato come divisione anche se si verifichi un effetto permutativo.

ART. 34 COMMA 4 del TESTO UNICO DELL’IMPOSTA DI REGISTRO        (D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131): “Agli effetti del presente articolo le comunioni tra i medesimi soggetti, che trovano origine in più titoli, sono considerate come una sola comunione se l’ultimo acquisto di quote deriva da successione a causa di morte.

Giurisprudenza:

In giurisprudenza il concetto di masse plurime fu espresso per la prima volta dalla Corte di Cass., sent. 30 agosto 1947 n. 1556, affermandosi che, qualora si debba procedere alla divisione di beni provenienti da titoli diversi, tra i condividenti si determinano tante comunioni quanti sono i titoli di provenienza. E tale orientamento fu confermato nella sentenza della Corte di Cass. S.U. n. 2224/1961, che ha sancito il principio secondo cui «l’acquisto dei beni in comunione, attraverso titoli diversi, dà luogo alla “sommatoria” di tante comunioni, ciascuna regolata dal suo titolo (…). Ciascun compartecipe non vanta sulla totalità dei beni, che deriva dalla somma di tutti i beni delle diverse comunioni, un titolo unico, ma tanti diritti, ciascuno per la quota corrispondente ad ogni titolo e relativo ai beni acquistati da quel titolo»).

Principio assodato può dirsi dunque quello per il quale “per sciogliere le distinte masse occorrono distinte divisioni” ovvero per sciogliere ciascuna massa occorre fare i conti dei valori per la formazione delle porzioni.

Cassazione n. 27645/2018: si occupa delle divisioni giudiziali. Per ogni massa ed in ogni massa occorre risolvere autonomamente le questioni inerenti la divisione ed i relativi conguagli.

Questo può dirsi un orientamento costante in giurisprudenza e ribadito anche recentemente: Cass. civ. sez. II del 29 aprile 2019 n. 11376: “Quando i beni in godimento comune provengono da titoli diversi, non si realizza un’unica comunione, ma tante comunioni quante sono i titoli di provenienza dei beni, corrispondendo, quindi, alla pluralità di titoli una pluralità di masse, ciascuna delle quali costituisce un’entità patrimoniale a sé stante. Pertanto, in caso di divisione del complesso, si hanno, in sostanza, tante divisioni, ciascuna relativa ad una massa e nella quale ogni condividente fa valere i propri diritti indipendentemente da quelli che gli competono sulle altre masse. Nell’ambito di ciascuna massa, inoltre, debbono trovare soluzione i problemi particolari relativi alla formazione dei lotti e alla comoda divisione dei beni immobili che vi sono inclusi”

Divisione negoziale:
la volontà concorde delle parti può essere quella di ricorrere ad un unica divisione di tutti i beni in comunione. Se così procedendo generano un effetto permutativo saremo nella ipotesi generalmente conosciuta come    “Divisione di masse plurime”.

Ma partiamo dalle varie risposte che sono state offerte alla domanda:

Possono i soggetti (gli stessi soggetti per ciascuna massa) procedere ad un’unica divisione?

Dottrina civilista prevalente ritiene che sia possibile, ma in questo caso si esce dalla natura dichiarativa della divisione, si avrebbe, piuttosto, un negozio traslativo:  una permuta di quote tra i condividenti fra le diverse masse (FEDELE).

Un’altra parte della Dottrina (BRANCA) sostiene la possibilità di ricorrere ad un’unica divisione con effetti dichiarativi. I condividenti sono sempre gli stessi, quindi, la comunione è unica. Ciò che si determina in conseguenza di ulteriori acquisti derivanti da più titoli è solo l’espansione dell’unica massa. Tesi che, a dire il vero, è rimasta un pò isolata.

Altra parte della dottrina – e Cassazione del 1992 – ritiene sempre possibile far ricorso ad un unico atto di divisione ma questo presupporrebbe una previa messa in comunione diretta a formare un’unica massa.                   Quanto sopra argomentando ex artt. 2643 n. 3 – 1350 codice civile, le quali sono disposizioni che presuppongono l'”atto di messa in comunione”. Tale atto però, secondo Cassazione, non può ricavarsi da una volontà tacita in quanto l’art. 1350 Cod. Civ. richiede la forma scritta per i beni immobili come la stessa forma è richiesta ai fini di trascrizione dall’art. 2643 c.c..

  • La tesi da ultimo esposta è però contestata da altra parte della dottrina che ritiene inammissibile il negozio di messa in comunione perché privo di causa. La messa in comunione non sarebbe un autonomo negozio diretto a mettere in comunione più beni o masse, ma solo l’effetto di un altro negozio che produce incidentalmente il sorgere della comunione. (Tanto che si è parlato di inutilità dell’art. 2643 Cod. Civ. al n. 3.)

A fronte delle ricostruzioni civilistiche abbiamo, come visto, il dato fiscale: l’art. 34 del testo unico dell’imposta di registro agevola la divisione di più masse con un’unica divisione tassandola con l’aliquota agevolata della divisione laddove l’ultimo titolo di acquisto sia successorio (cioè l’ultima massa ha origine da un titolo successorio).

Possibilità operative:

quando non ricorre il presupposto delle masse plurime ai fini fiscali, ovvero quanto l’ultima massa non sia incidentale – con la precisazione di cui appresso -, è consigliabile seguire la tesi “civilistica” (prevalente) della permuta (l’atto, infatti, verrà comunque tassato come permuta);

quando, invece, l’ultimo titolo è successorio (art. 34 tur):

– o si procede ad una vera divisione con preunificazione delle masse (tesi che non si vede seguita nella prassi e non è consigliabile: c’è un quesito all’ufficio studi del CNN n. 404/2016 che evidenzia l’assenza di causa);

– o, come da prassi, si procede a stipulare una “SEMPLICE” UNICA DIVISIONE (formalmente una divisione ma civilisticamente traslativa) senza preventiva messa in comunione.

NB:  La cessione (a qualunque titolo) che un comproprietario faccia della propria quota non genera un’ulteriore massa (ad es. per successione ad uno dei condividenti: la massa sarà sempre unica, cambieranno solo i soggetti che vi partecipano), ma ulteriori problematiche.

ESEMPI:

  • TIZIO E CAIO sono comproprietari per donazione di due case (A e B) contigue ricevute in comunione per pari quota per donazione da GIOVANNI. Poi muore Vincenzo e lascia a TIZIO E CAIO altri due appartamenti (C e D) contigui.
    TIZIO E CAIO vogliono dividersi:
    Tizio prende A e C e CAIO B e D: non è divisione di masse plurime ma una doppia divisione in quanto NON SI VERIFICA ALCUN EFFETTO PERMUTATIVO. E’ un unica divisione documentalmente ma sono due divisioni dichiarative. Sarebbe stata divisione di masse plurime se TIZIO avesse preso A e B e Caio C e D.
E’ l’effetto permutativo che qualifica la divisione come divisione di masse plurime.
  • Così se due fratelli posseggono in comunione numerosi beni frutto dell’attività comune svolta in tanti anni di lavoro…  Alla morte di uno dei due, si pone il problema di sciogliere la comunione e di dividere l’ “eredità tra i vari figli e nipoti”: in questo caso non si formano due masse distinte ma è un’unica massa. Il titolo di acquisto ulteriore al quale l’art. 34 del TUR fa riferimento è un titolo ulteriore a favore degli originari comproprietari mentre le variazioni soggettive per cessione (a qualunque titolo, quindi anche ereditario) della quota di un compartecipe non generano una massa distinta (solo la quota del defunto spetterà in comunione ereditaria ma siamo fuori fenomeno delle c.d. “masse plurime”).          Si avrà così una divisione  “ordinaria” fra il fratello superstite e gli eredi dell’originario comproprietario.
Please follow and like us:
error